News:


+ Vasco Rossi Forum |Vascoforever.it » Tutto Vasco Rossi » Parole e Canzoni » Testi Canzoni
|-+ Testi - Ma Cosa Vuoi Che Sia Una Canzone

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.


Autore Topic: Testi - Ma Cosa Vuoi Che Sia Una Canzone  (Letto 4622 volte)

bollicine

  • Amministratore
  • Fronte Del Palco Member

  • Online
  • *******

  • 44583
    • Vasco Rossi
Testi - Ma Cosa Vuoi Che Sia Una Canzone
« il: Gennaio 08, 2007, 16:26:52 »
- La Nostra Relazione
- ...E Poi Mi Parli Di Una Vita Insieme
- Silvia
- Tu Che Dormivi Piano
- Jenny E' Pazza
- Ambarabaciccicoccò
- Il Tempo Crea Eroi



LA NOSTRA RELAZIONE

La nostra relazione e' qualche cosa di diverso
non e' per niente amore e non e' forse neanche sesso
ci limitiamo a vivere dentro nello stesso letto
un po' per abitudine o forse un po' anche per dispetto

non e' un segreto dai lo sanno tutti
e tu sei buffa quando cerchi di nasconderlo alla gente
che ci vede litigare per qualsiasi cosa o niente
per la noia che da sempre ci portiamo dentro e' inutile negarlo

La nostra relazione oramai non ha piu' senso
tu hai le tue ragioni ed io sono forse troppo stanco
tra l'altro non e' facile ricominciare tutto
lasciamo stare dai non rifaciamo un letto ormai disfatto

non e' un segreto dai lo sanno tutti
e tu sei buffa quando cerchi di nasconderlo alla gente
che ci vede litigare per qualsiasi cosa o niente
per la noia che da sempre ci portiamo dentro e' inutile negarlo


E POI MI PARLI DI UNA VITA INSIEME

e poi mi parli di una vita inseme
di una casa di bambini
del nostro amore e di me che vado a lavorare

ma che ne sai tu di un mondo
che si puo' vivere soltanto
se stai attento a dove metti i piedi

e ogni volta che usciamo
mi dici che tuo padre
vuole sapere
cosa intendo fare

ma che ne sa lui di fare
se tutta la vita
non ha fatto altro che stare a guardare

io vorrei che tu che tu avessi qualcosa da dire
che parlassi di piu' che provassi una volta a reagire
ribellandoti a quall'eterno incanto
per vederti lottare contro chi ti vuole
cosi' innocente banale donna
donna sempre uguale donna per non capire
donna per uscire donna da sposare

no senti stammi a sentire un po'
non e' te che detesto in fondo sai
la colpa non e' tua
la verita' e' che al mondo tu servi cosi'



SILVIA

Silvia riposa dentro la stanza
con una mano sotto il cuscino
mentre di fuori spunta il mattino
che fra non molto la svegliera'

Silvia si veste davanti allo specchio
e sulle labbra ha un po' di rossetto
andiamoci piano pero' con il trucco
senno' la mamma brontolera'

Silvia fai presto che sono le 8
se non ti muovi fai tardi lo stesso
e poi la smetti con tutto quel trucco
che non sta' bene te l'ho gia' detto!

Silvia non sentre oppure fa finta
guarda lo specchio poco convinta
mentre una mano si ferma sul seno
e' ancora piccolo ma crescera'

Silvia fai presto che sono le 8
se non ti muovi fai tardi lo stesso
e poi la smetti con tutto quel trucco
che non sta' bene te l'ho gia' detto!

Silvia non sentre oppure fa finta
guarda lo specchio poco convinta
mentre una mano si ferma sul seno
e' ancora piccolo ma crescera'

Silvia ora corre oltre lo specchio
dimenticando che sono le 8
e trova mille fantasie
che non la lasciano piu' andar via

che non la lasciano piu' andar via



TU CHE DORMIVI PIANO (Volo' via)

Tu che dormivi piano
quasi non ti sentivo
ed allungavo la mano
tra le lenzuola il tuo viso

io respiravo piano
in quel silenzio caldo
il giorno entrava dal vetro
piu' che indeciso sorpreso

illuminava scontroso il tuo viso
geloso forse stupito
ma ecco i tuoi occhi
si schiusero appena
da quanto tempo sei sveglio?

io sono qui da sempre anima mia
tu sei... beh!...
vidi un sorriso bagnarsi di pianto
dimmi soltanto il tuo nome

le anime calde si fusero insieme sospese in mezzo alla stanza
mentre il soffitto sembrava cadere stringevo in pugno la vita

guarda che puoi restare qui
qui fino a quando vuoi
lei non rispose usci' dal letto e poi
potrei giurarlo.... volo' via



JENNY E' PAZZA

Jenny non vuol piu' parlare
non vuol piu' giocare
vorrebbe soltanto dormire

Jenny non vuol piu' capire
sbadiglia soltanto
non vuol piu' nemmeno mangiare

Jenny e' stanca Jenny vuole dormire
Jenny e' stanca Jenny vuole dormire

Jenny ha lasciato la gente
a guardarsi stupita a cercar di capire cosa
Jenny non sente piu' niente
non sente le voci che il vento le porta

Jenny e' stanca Jenny vuole dormire
Jenny e' stanca Jenny vuole dormire

Io che l'ho vista piangere di gioia e ridere
che piu' di lei la vita credo mai nessuno amo'
io non vi credo lasciatela stare
voi non potete!

Jenny non puo' piu' restare portatela via rovina il morale alla gente
Jenny sta bene e' lontana la curano forse potra' anche guarire un giorno

Jenny e' pazza c'e' chi dice anche questo
Jenny e' pazza c'e' chi dice anche questo


AMBARABACICCICOCCO'

Ecco ci vuole un po' di batteria adesso pero'
culturalizzata magari....che cosi' e nuda
si va bene... proviamo... proviamo cosi'
limitatamente minimamente pero'
Vai col pianino ......

E mentre tu continui ad invecchiare
quei giovani di oggi che non riesci piu' a capire
che se ne fregano perfino del tuo impegno sindacale
e cantano Dio salvi la regina fascista e borghese

E mentre tu continui ad invecchiare
tua figlia sta con quell'idiota che non puoi vedere
lei dice che sei prevenuto che non vuoi capire
e forse avra' ragione lei chi lo potra' mai dire

Ma intanto tu continui ad invecchiare
sempre convinto che gli anni migliori debbano ancora venire
e che le leggi sopra il concordato si possono abrogare
e intanto Marta e' andata ad iscriver la bambina dalle Orsoline

E mentre tu continui ad invecchiare lentamente
il mondo gira sempre piu' veloce non si puo' fermare
sei tu che devi accelerare, amico, lui non ti puo' aspettare
e questo purtroppo signori e' uno dei piccoli difetti dell'industrializzazione

E intanto tu continui ad invecchiare cordialmente si' cordialmente
con la pacca sulle spalle del tuo bravo direttore
che la pensa esattamente come te sopra i problemi di politica generale
c'e' solo un piccolo accento diverso per quello che riguarda la gravita' del problema della disoccupazione
suo figlio ha un impiego statale e il tuo non trova da lavorare

Ma tu continua pure ad invecchiare convinto si' convinto
convinto che il partito e' l'unica soluzione
ma che rivoluzione e rivoluzione e' ormai banale quella
la lotta oggi va condotta col partito all'interno delle strutture

Perche' il partito ti puo' aiutare
perche' il partito ti puo' garantire
perche' il partito e' una conquista sociale
perche' il partito e' un'istituzione

ma che rivoluzione e rivoluzione
riforme ci vogliono riforme
sanitaria agraria tributaria fiscale sociale
Ambarabaciccicoccò tre civette sul comò
che facevano l'amore con la gatta del dottore tre partiti sul comò
che facevano l'amore con l'abc del professore
coro: SCEMO, SCEMO, SCEMO...



ED IL TEMPO CREA EROI

Ed il tempo intanto crea eroi
mentre il sole brucia ancora per i cazzi suoi
e la terra e' grassa e ricca frutta gelosie
e la scuola insegna poesie

Ci si gioca il tempo dentro i bar
e si prega un Dio digerendo i guai
tutto cio' e' la vita amico che tu lottando vai
messaggero dei problemi tuoi

Colle mani sporche di allegria
i bambini giocanop coi sassi della via
ed i vecchi invecchiano davanti all TV
colla pippa ed uno scommettiamo in piu'

ed avanti ancora tra la nebbia e la follia
ed in tasca la democrazia
e alla gente povera rimanga l'onesta'
a vantaggio di chi non c'e l'ha
che comunque puo' comprarsela

ma restate pure calmi li' seduti al bar
per il vostro dio e per i vostri piccoli guai

no non e' successo niente..niente
la vostra casa e' la...
e nessuno ve la tocchera'
« Ultima modifica: Aprile 09, 2008, 16:32:30 da mmuccaliu »
A Bollicì
e come Vasco me score nelle vene
te dico: amico mio
te vojo troppo bene!
(by rew) :26: :26: :26:


 

WAP | RSS | XHTML
Theme by NW Updated by Diego Andrés