banner

Recensione Il Mondo Che Vorrei

La recensione di Il Mondo Che Vorrei secondo Human Equation

Il Mondo Che Vorrei Recensioni

il mondo che vorrei Tracklist
  1. Il mondo che vorrei (T.Ferro /V.Rossi)
  2. Vieni qui (T.Ferro / V.Rossi)
  3. Gioca con me (T.Ferro/G.Elmi/V.Rossi)
  4. E adesso che tocca a me (V. Rossi/G. Curreri/A. Fornili)
  5. Dimmelo te (T.Ferro/G.Elmi/V.Rossi)
  6. Cosa importa a me (T.Ferro/G.Elmi/V.Rossi)
  7. Non vivo senza te (V. Rossi/G. Curreri/A. Fornili)
  8. Qui si fa la storia (T.Ferro/G.Elmi/V.Rossi)
  9. Colpa del whisky(R.Casini/V.Rossi)
  10. Non sopporto (V.Rossi)
  11. Ho bisogno di te(V.Rossi)
  12. Basta poco(V.Rossi)
Recensione by Human Equationavatar di human equation
Dopo esordi scoppiettanti e una serie di album assolutamente perfetti, si finisce col dare fiducia assoluta ad un artista, così, si resta ad aspettare che scocchi ancora quella scintilla che non vedi da più di 10 anni... e dopo una serie di ben tre album di cui uno mediocre e due pessimi, si finisce col non crederci più, specie quando nell'intervallo tra due album ti ritrovi singoli assolutamente insipidi come Basta Poco, brano in cui l'elettronica impazza più che mai e ti fa ribollire il sangue sentirla sapendo che viene da quello che è considerato il Re del rock.. e dov'è il rock? Ma ecco che vien fuori da non so dove Il mondo che vorrei... il singolo che precede e da il titolo all'album... ed ecco che tornano quei brividi... quelli che non sentivi più da molti, troppi anni... ed ecco che ti ritrovi Vasco nelle orecchie e nel cuore... Non il Vasco migliore..(ritrovare quello è oramai impossibile) Ma il Vasco comunque "buono"... che ti emoziona... Il testo è amaro.. quasi angosciato.. ma ti prende. Parole semplici, a volte forse un pò troppo, però ti prende allo stomaco,sopratutto perchè accompagnato da una musica bellissima e coinvolgente, canzone che nel Song-Writing ricorda molto Gli angeli, e che come allora, finisce in un assolo stupendo di Landau. L'amarezza e la rassegnazione ritornano nella spendida E adesso che tocca a me, fa quasi male ascoltare questa canzone, specie se subito dopo la titletrack, sembra che Vasco sopporti sempre di meno il fatto di "crescere" e di capire come vanno veramente le cose... La musica è comunque bellissima... un ottima ballad. Ora parliamo un pò del lato del disco che tutti aspettavano... il Rock. Beh, il rock c'è, questo è sicuro, e c'è in diverse "salse".. c'è il Rock VERO di Qui si fa la storia. Pezzo molto tirato, riffs e suoni quasi metal, un ottimo pezzo, un pò deludente nel testo, forse perchè da un titolo così ci si aspetta troppo... C'è il Rock di Non Sopporto, pezzo già anticipato nel Tour 2007 e che non mi aveva assolutamente entusiasmato ma che nel disco ritrova nuova linfa anche perchè suonata da una metal Band, i Magnetico, (a lasciar stare l'elettronica si guadagna caro Vasco). C'è il rock di Cosa importa a me.. pezzo molto divertente e veloce, forse un pò "rovinato" dal modo di cantare di Vasco... quasi rappeggiante in certi versi ma comunque un ottimo pezzo. Poi c'è il Rock (?) dell'attesissima Gioca con me, certo live spaccherà... certo è potente.... ma in fin dei conti resta un rock "commerciale" e di facile ascolto. È in questo pezzo che ha suonato Slash.. ma davvero? Alla fine dei conti mi vien da dire che far suonare Slash è stata semplicemente una trovata "pubblicitaria" perchè la sua presenza, se non leggi i credits, non la senti proprio. Per quanto riguarda poi il testo, a mio avviso, è assolutamente imbarazzante. C'è ancora Rock? in questo disco? si.. c'è ancora in Dimmelo Te. Una delle perle di quest'album. Un rock crescente ed esplosivo con un ottimo testo.
Tutto questo Rock è condito da intervalli più o meno felici, come Vieni Qui, canzone carina ma che sembra un pò troppo vicina a Buoni o Cattivi nello stile. Prendiamo ora una brutta musica, aggiungiamo un testo scadente e accompagnamo il tutto da un pessimo arrangiamento: si ottiene Non vivo senza te...indubbiamente il pezzo più brutto dell'album.
Colpa del Whisky in fin dei conti se non fosse per il ritornello sarebbe anche una bella canzone, anche se musicalmente troppo vicina a Señorita, (Casini dovrebbe forse cambiare direzione scrivendo, perchè in passato ha dimostrato di saper fare di molto meglio)... e infine la "monofrase" Ho bisogno di te... leggendo il testo sono rimasto perplesso... Ma poi ascoltandola si sente chiaramente anche dal modo di cantarla di Vasco che è una provocazione delle sue... e poi.. la musica è assolutamente sublime.
Di Basta poco già ne ho parlato, aggiungo solo che in questo disco non ci doveva essere. Lontana anni luce dal resto.
Alla fine resta un sentimento piacevolissimo. Aver riprovato emozioni ascoltando Vasco! Non succedeva da molto, troppo tempo..... e tirando un pò le somme siamo davanti ad un disco con almeno 4 ottimi pezzi... ed almeno 5 più che buoni... quindi un bell'album... era ora!

Voto 70/100