banner

Recensione Liberi Liberi

La recensione di Liberi Liberi secondo Bollicine

Liberi Liberi Recensione

Liberi Liberi Tracklist
  1. Domenica Lunatica
  2. Ormai é Tardi
  3. Muoviti
  4. Vivere Senza Te
  5. Tango della gelosia
  6. Liberi ..Liberi
  7. Dillo alla Luna
  8. Stasera
Recensione by Bollicineavatar di bollicine
Liberi Liberi "ovvero" il primo disco interamente prodotto da Vasco Rossi che "lasciato" dalla Steve Rogers Band e da Guido Elmi alla ricerca di fortuna. Ripetere un disco come "C'è chi dice no" è praticamente impossibile, ma tutto sommato nonostante la situazione creatasi, l'album è ben riuscito. Si parte con "Domenica Lunatica" bel pezzo, con un' ottima resa live, si lascia ascoltare con molto piacere. "Ormai è tardi" e il secondo brano in track-list, buona musica, testo volutamente minimalista.. che forse alla lunga stanca. "Muoviti" esplodono finalmente le chitarre, interpretazione rabbiosa ("Guardami/credi che sia/tutta rosa e fiori/questa vita mia"), forse "accorciato" avrebbe acquistato più in potenza. Il brano che segue è"Vivere Senza Te" dedicato al mitico Roccia che abbandonò lo staff per una ragazza. "Tango Della Gelosia" in cui Vasco suona la chitarra acustica, è ispirata come lui stesso dichiara nel dvd/vhs " Fronte del palco" al Kriminal Tango, buon pezzo. Fino adesso erano tutti o quasi dei bei brani..mancava il capolavoro..ed ecco puntuale che arriva..la title-track "Liberi Liberi" troviamo un Vasco disilluso e ormai cresciuto(finchè eravamo giovani/era tutta un'altra storia../).Ma non è finita qui, arriva un altro capolavoro: "Dillo alla luna" una delle ballate più classiche e amate..("se c'è qualcosa che non ti va/dillo alla luna/). Chiude il disco "Stasera" discreto pezzo rock, con musica di Maurizio Solieri.
Voto :80/100