banner

Recensione Liberi Liberi

La recensione di Liberi Liberi secondo Human Equation

Liberi Liberi Recensione

Liberi Liberi Tracklist
  1. Domenica Lunatica
  2. Ormai é Tardi
  3. Muoviti
  4. Vivere Senza Te
  5. Tango della gelosia
  6. Liberi ..Liberi
  7. Dillo alla Luna
  8. Stasera
Recensione by Human Equationavatar di human
Quest'album è un vero e proprio sparti-acque. Cambio di etichetta, Vasco approda "finalmente" alla EMI e cambio della band, cosa che provoca una produzione completamente diversa dai precedenti album e il sound ne risente risultando freddo e poco aggressivo. In quest'album troviamo tutta la rassegnazione di Vasco, specie nella titletrack, una ballata splendida e musicalmente fuori dai soliti schemi, Finché eravamo giovani era tutta un'altra cosa chissà perché... Voleva una vita spericolata... voleva dare un calcio a tutto... ma alla fine si ritrova a dover accettare una realtà che, vuoi o non vuoi. ti raggiunge sempre. Scappi scappi... ma è sempre dietro di te... finchè sei costretto a dire che Ormai è tardi .... e quanta nostalgia... parole sussurrate in una canzone che non riesce ad acchiappare ma che live verrà rivoluzionata in un buon rock e ritrovrerà tutto il suo valore. La canzone d'apertura, Domenica lunatica, è un buon rock che prende sin dall'inizio con una linea di basso travolgente. La canzone più insipida dell'album è senza dubbio ...Muoviti .... Un giro di accordi interminabile con tre parole o poco più.... Risulta comunque efficace in apertura di concerto. Altra canzone poco apprezzabile per me è Tango della gelosia.Il rock puro alla Vasco lo ritroviamo in Stasera e Vivere senza te, in quest'ultima c'è uno spezzone dedicato all'amico/guardia del corpo Roccia che lo abbandona per "amore" ma che tornerà all'ovile poco tempo dopo. L'unica vera ballata dell'album è la stupenda Dillo alla luna.
Voto 75/100