banner

Recensione Siamo Solo Noi

La recensione di Siamo Solo Noi secondo Bollicine

Siamo Solo Noi Recensione

siamo solo noi copertina Tracklist
  • CD 1
  1. Siamo Solo Noi
  2. Ieri ho sgozzato mio figlio
  3. Che Ironia
  4. Voglio Andare Al Mare
  5. Brava
  6. Dimentichiamoci Questa Città
  7. Incredibile Romantica
  8. Valium
Recensione by Bollicine avatar di bollicine
Un giro di basso diventato storico, una voce stanca quasi svogliata che in un crescendo diventa rabbiosa e “piena” cosi parte lo splendido inno che da il titolo all’album “Siamo Solo Noi”. Testo con parole forti “Siamo solo noi quelli che poi muoiono presto quelli che pero’ e’ lo stesso” in perfetta sincronia con la musica che nasce provocatoriamente sugli stessi tre accordi di Colpa D’Alfredo che a tratti riprende “baba o’ riley dei Who”.Poi è la volta di “Ieri ho sgozzato io figlio” base martellante quasi hard-rock ,si può trovare l’ironia feroce del blasco nazionale “ho sgozzato mio figlio..ho fatto uno sbaglio credevo fosse un coniglio..”La traccia che segue “Che Ironia” troviamo un vasco giocherellone con forse qualche allussione alla cocaina.. . Alla numero quattro arriva”Voglio andare al mare” un gran bel brano Rock-Reggae che rimarca lo stile dei Police capitanati da Sting,composta insieme all’amico di sempre Massimo Riva, ecco vasco in veste marpione/provolone pronto a fare strage di “donne e di sole..e di donne da sole”. “Brava” è la traccia che segue, altro storico brano rock, con Vasco che si scaglia contro una sua “ex” “Ed hai voluto vedere fino a che punto potevi arrivare fino a che punto mi potevi umiliare fino a che punto mi avresti potuto anche cambiare e sei riuscita a farmi credere che tu fossi pulita mentre in realta’ giocavi solamente.. spero che ti sia divertita” Un intro di veloce di basso ci porta a “Dimentichiamoci questa città” che riprende il riff ai Judas Priest di “Living After Midnigth” che a loro volta si erano ispirati a “Vicius” di Lou Reed, dal vivo è sicuramente più esplosiva. Incredibile Romantica è la ballata del disco,un po sottovalutata dai fan ma resta comunque un bel pezzo. Chiude questo splendido disco la scandalosa “Valium” ritenuto quasi un inno al suicidio “100 gocce di valium per dormire del tutto non sentire piu’ niente cancellare la mente e domani mattina domani mattina non svegliarsi neanche.” Vasco molti anni più tardi ,al neapolis festival 97,in virtù di nuove polemiche la introdusse in modo ironico con “seguire attentamente le modalità d’uso..”.
Voto 90/100